"Terre Etrusche" Polarità di Eccellenza del Turismo internazionale - Comuni della Alta e Bassa Val di Cecina e Val di Cornia - ANCI Toscana

27 Giu

"Terre Etrusche" Polarità di Eccellenza del Turismo internazionale - Comuni della Alta e Bassa Val di Cecina e Val di Cornia

(0 Voti)

Il sistema dei parchi e delle aree protette della Maremma costituisce un potenziale attrattore per il turista internazionale, ma sono assenti politiche per il rilancio competitivo dell'area attraverso un brand in grado di creare visibilità globale. Lo Studio di fattibilità denominato “Terre Etrusche” dovrà determinare una nuova visione della politica degli interventi: non più azioni puntuali per affrontare le emergenze (visione del breve periodo), ma azioni sistemiche derivanti da una regia unitaria che punta allo sviluppo attraverso la partecipazione pubblico privata.

ASSESSORE DI RIFERIMENTO: Comune di Cecina: Assessore Giovanni Salvini
DATA INIZIO PROGETTO: 2015
DATA FINE PROGETTO: 2030
COSTI EVENTUALI: In fase di definizione
SOGGETI TERZI: Fondazione Cassa di Risparmi di Volterra, Regione Toscana, Studio Agora'

Il sistema dei parchi e delle aree protette della Maremma costituisce un potenziale attrattore per il turista internazionale, ma sono assenti politiche per il rilancio competitivo dell'area attraverso un brand in grado di creare visibilità globale.
Lo Studio di fattibilità denominato “Terre Etrusche” dovrà determinare una nuova visione della politica degli interventi: non più azioni puntuali per affrontare le emergenze (visione del breve periodo), ma azioni sistemiche derivanti da una regia unitaria che punta allo sviluppo attraverso la partecipazione pubblico privata (visione del medio-lungo periodo).
L’incremento di un turismo di qualità, complementare all'offerta balneare della Costa degli Etruschi ed integrato alla valorizzazione delle identità culturali e ambientali locali ed alle produzioni tipiche ed artigianali, costituisce una concreta opportunità di sviluppo socio economico del territorio.
“Terre Etrusche” è individuato quale “brand” territoriale trainante, da collegare alle azioni di marketing e di destination management regionali e nazionali, in sinergia con altri asset strategici per la Toscana, quali le Città d'Arte o la Via Francigena.
Lo studio di fattibilità pertanto si pone quale modello di sviluppo sostenibile fondato sulla vocazione turistica locale.
In questo obiettivo si riconoscono tutte le premesse e le analisi già svolte dall’Unione Europea per mostrare che il turismo è il settore maggiormente trainante per elevare il PIL ed i posti di lavoro in Europa, ed appare quale unica soluzione per elevare la dotazione di servizi ai residenti, facendoli “pagare” ai non residenti: competitività tra territori, anche limitrofi.
La valorizzazione del territorio dipende dal saper comunicare con chiarezza la rete delle polarità attrattive, le seconde e terze mete, gli itinerari di contesto, le manifestazioni locali, gli eventi eccezionali, in modo da creare una gerarchia di appuntamenti che orienti l’offerta di servizi dell’area vasta creando una cerniera tra le città culturali-storiche dell’interno e la costa.
L’offerta culturale è infatti e spesso la motivazione fondamentale per una visita breve e circostanziata.

Letto 4431 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Giugno 2016 12:39

Usando questo sito l'utente accetta l'installazione dei "cookie" sul proprio browser. Per saperne di piu' Approvo

Contatti

    • TEL +39 055 2477490
    • FAX +39 055 2260538
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Mappa del sito
    • Viale Giovine Italia 17 50122 FI
    • Sede legale/operativa Viale Giovine Italia 17
    • Sede operativa Via Giovanni Pascoli 8 - Pisa